| E-mail: contatti@festivalibrocampania.it


PREMIO LETTERARIO FELIX 2015

 “La donna del Sud”

 

1° classificato: Antonino Giordano con “La ballata di Rosa Calabrò” (poesia/teatro) VINCITORE

 

Estratto:

Nella parlata siciliana di Ballarò

       Chista è la storia i Rosa Calabrò,

       figghia di Cuncittina e di Totò.

Idda crisciva nta la so famigghia;

tri figghi masculiddi er una figghia.

So patri travagghiava a tutti l’uri

Arriparannu maghini e muturi.

Cuncietta nutricava i picciriddi,

ca ieranu n’anticchia spuntuliddi

e canziava a Rosa ca sturiava,

iava siempri alla scuola er era brava.

Totò ittava sangu a travagghiari

picchì Rosa s’aviva a diplomari.

A matri facia puru a custuriera,

pi falla addivintari raggioniera.

Sta Rosa era lu ciuri ri Brancacciu

E tutti ci arririevanu ri nfacciu.

Cuncietta cci facieva i megghiu vesti:

idda era bruna cu l’occhi celesti.

Liggìa i so libbra bella assistimata,

facia fiura er era priparata.

Era vuluta bieni runnegghiè

e avia modi educati cu cuegghiè.

Si p’accattari u pani iava ‘o furnu

un ci facianu fari mancu u turnu.

Si dumannava i carni quacchi “etto”

ci ravanu a custata er u filietto.

       Chista è la storia i Rosa Calabrò

       e ri tutta a burgata ca l’amò.

Un ghiuornu c’aspittava l’otobussu

vitti un picciuottu nto ‘n muturi russu

ca rissi: “Un m’ à pigghiari pi sarbaggiu;

si vuoi ti pozzu rari nu passaggiu”.

Era grazziusu, biunnu e ricciu ricciu.

“Si tu ti chiami Rosa iu sugnu Cicciu”.

Pi un cariri r’a moto l’abbrazzò

e i ddu mumiento si nni nnammurò.

Cicciuzzu era un bravu picciuttieddu;

pulitu, rispittusu e tantu bieddu,

 ca, duoppu u so travagghiu in pizzeria,

ci iava sutta a casa e ci niscìa.

       Chista è la storia i Rosa Calabrò,

       ca cu Cicciuzzu u biunnu si zitò.

Ma Davidi ca i vitti era nirbusu:

stu figghiu ri don Carminu u mafiusu.

Però so patri si ‘nnavia addunatu

ca u figghiu era ri Rosa nnammuratu.

Allura un picciuttazzu ci mannò

nta l’officina unn’iera don Totò.

Stu malacarni lariu e arrappatizzu

o patri i Rosa ci dumannò u pizzu.

Totò ch’avia curaggiu ma era sulu,

cci rissi a chiddu ri iri affari in culu.

Don Carminu lu sappi e s’incazzò

er a so figghiu Davidi u cuntò.

Il pizzo è per i mafiosi una specie di patrimonio storico che non si tocca. Mih, ma ancora lei tistìa? Deve sapere,allora, che in Sicilia, nei tempi antichi, quando in un quartiere un commerciante o un artigiano facevano buoni affari, offrivano da bere a tutti, per fare prio; per festeggiare, insomma. E così faceva bagnare il becco a tutti. Ora, siccome i siciliani il becco lo chiamavano pizzo, se qualcuno si dimenticava, mettiamo di offrire, i capi del quartiere ci andavano e gli dicevano. “Ma chi fa? A nuavutri un nnu fa vagnari u pizzu?”  E questo, allora, per levarseli di davanti, visto che erano pure pericolosi, ci dava soldi e ci diceva di comprarsi il vino e di bagnarsi il ”pizzo”. Anche perché così risparmiava ed evitava di fare bere tutto il quartiere. Ma che volete, i siciliani sono copiati da tutti, specialmente nelle male cose. E ora il pizzo si paga unnegghiè, in Italia, in America, in Cina, in Russia...E se non si paga sono cavoli amari. Sentite, sentite...

       Continua a storia i Rosa Calabrò.

       Sentite chiddu ca ci capitò.

Dda sira Rosa nun s’arricampava,

Cuncietta add’ura un si capacitava.

Totò ca l’aspittava er iera o latu,

taliava u ruoggiu er era preoccupatu.

Circau fuora s’iera pieri pieri,

poi si nni ieru nte carabbinieri.

Passaru tuttannuotti cu li cani,

ma poi turnaru n’iddi all’innumani.

Iddi niscieru sintiennu li passi

ru brigadieri ca rissi:”Acchianassi”.

Cu a maghina i purtò ri cursa fuora

nta li iardini ri li pumaruora.

Cuncietta aviva ancora l’uocchiu stancu,

quannu ca vitti nu linzuolu biancu.

Scinnieru Cuncittina e don Totò

e u brigadieri ddu linzuolu isò.

Cu l’uocchi apierti, bianca e spittinata,

Rosa era ddà, immobili e sbranata.

Cu i minni i fuora, u sutta scummigghiatu

e u cuoddu i cira tuttu ‘nsanguinatu.

Ma nun scuprieru cu la violentò:

tutta Brancacciu u sappi e nun parrò.

E  Cicciu, ca sapia tutti l’impicci,

muriu cu un cuorpu nte capiddi ricci.

Qui, in Sicilia, ci stanno tentando, di levare questa vergogna del pizzo. Abbiamo i primi martiri. E gli altri? Eh, lo dico io! Della Sicilia solo le male cose si prendono. Qui si muore e là si continua a pagare. Piangiamoli noi allora, i nostri morti. Morti in battaglia, per liberare la nostra terra dalla vergogna. Piangiamoli così forte che ci debbono sentire tutti. Tutti!

(Scoppia a piangere e poi, fra i singhiozzi, conclude)

       Paci pi l’arma i Rosa Calabrò,

       pi Cicciu, Cuncittina e don Totò.

Iu chista storia uora v’arricuordu:

amuri e mafia nun vannu r’accuordu.

Traduzione in italiano= Questa è la storia di Rosa Calabrò-figlia di Concettina e di Totò-- Lei cresceva nella sua famiglia;-tre figli maschi e una figlia.- Suo padre lavorava a tutte l’ore-riparando macchine e motorini.-Concetta cresceva i bambini,-che erano un po’ cresciutelli- e risparmiava Rosa che studiava,-andava sempre a scuola ed era brava- Totò buttava sangue a lavorare,- perché Rosa si doveva diplomare.- La madre faceva pure la sarta,-per farla diventare ragioniera.-Questa Rosa era il fiore di Brancaccio- e tutti le sorridevano di fronte.- Concetta le faceva i migliori abiti:- lei era bruna con gli occhi celesti.-Leggeva i suoi libri molto ordinatamente,-faceva bella figura ed era preparata.-Era voluta bene dovunque- e aveva modi educati con ognuno.-Se per comprare il pane andava al forno,-non le facevano fare neanche il turno.- Se domandava di carne qualche etto,- le davano la costata ed il filetto.—Questa è la storia di Rosa Calabrò- e di tutta la borgata che l’amò.—Un giorno in cui aspettava l’autobus- vide un ragazzo su una moto rossa- che disse:”Non mi prendere per selvaggio;-se vuoi ti posso dare un passaggio”.-Era grazioso,biondo e riccio riccio.-“Se tu ti chiami Rosa io sono Ciccio”.-Per non cadere dalla moto lo abbracciò- e, da quel momento, se ne innamorò.-Cicciuzzo era un bravo ragazzo;-pulito,rispettoso e tanto bello,-che,dopo aver lavorato in pizzeria,-andava sotto la sua casa e ci usciva.—Questa è la storia di Rosa Calabrò.- che con Cicciuzzo il biondo si fidanzò.—Ma Davide che li vide era nervoso.-il  figlio di Don Carmine, il mafioso.-Però suo padre se ne era accorto che il figlio era di Rosa innamorato.-Allora uno sgherro ci mandò-nell’officina dov’era don Totò.-Questo malacarne brutto e con il viso segnato-al padre di Rosa chiese il pizzo.-Totò che aveva coraggio ma era solo,-disse a quello di andare a fare in culo.-Don Carmine lo seppe e si incazzò- e al figlio Davide lo raccontò.—Continua la storia di Rosa Calabrò.-Sentite quello che le capitò.—Quella sera Rosa non rincasava,-Concetta non comprendeva il perché.-Totò che la aspettava e stava a lato,-guardava l’ora ed era preoccupato.—Cercò fuori per vedere se era in giro,-poi andarono dai carabinieri.-Cercarono tutta la notte con i cani,-poi tornarono da loro l’indomani.-Loro uscirono,sentendo i passi-del brigadiere che disse”Salite”.-Con l’auto li portò di corsa fuori,-nei giardini dei pomodori.-Concetta aveva ancora l’ occhio stanco- appena scorse un lenzuolo bianco.-Scesero Concettina e don Totò-e il brigadiere quel lenzuolo alzò.-Con gli occhi aperti, bianca e scarmigliata,-Rosa era là ,immobile e sbranata-. Con il seno di fuori e il pube scoperto-e il collo di cera tutto insanguinato.-Ma non scoprirono chi l’aveva violentata:-tutta Brancaccio lo seppe ma nessuno parlò.-E Ciccio, che sapeva tutti i pasticci,- morì con un colpo nei capelli ricci.—Pace per l’anima di Rosa Calabrò,-per Ciccio,Concettina e don Totò.—Io questa storia ora vi ricordo:-amore e mafia non vanno d’accordo.

 

 


  • NewsLetter

    Inserisci il tuo Nome e la tua Email per iscriverti o cancellarti.

    Digital Newsletter